Menu
News

Tutto ciò che ruota intorno al mondo dei trasporti

BioLNG, è la tecnologia giusta per decarbonizzare i trasporti?

Da In News Il 2021-11-28


Decarbonizzare i trasporti non è solo uno degli obiettivi facilmente inquadrabili da chiunque pensi al futuro del pianeta, ma è soprattutto il modo per rendere sostenibile la fondamentale filiera della distribuzione sulla quale si regge il nostro sistema economico.

Se la trazione elettrica appare come la soluzione ‘definitiva’, con alle spalle l’ulteriore prospettiva a lunghissimo termine dell’idrogeno, la soluzione più pratica nell’immediato è quella del bioLNG o biometano.

Uno studio eseguito dal Consiglio Nazionale delle Ricerche e dall’Istituto sull’Inquinamento Atmosferico, con il supporto di CIB e Iveco, sostiene proprio la tesi che tramite il bioLNG si possano decurtare rapidamente le emissioni di CO2.

Leggi anche:
FERCAM e BIOGAS WIPPTAL: investimenti per un trasporto stradale a impatto zero

Il parere del CNR

Lo studio ha preso in esame il mercato italiano, particolarmente significativo per l’alta penetrazione della tecnologia del biometano: l’Italia è tra le prime nazioni in Europa sia per il numero di veicoli così alimentati, sia per la presenza di stazioni di rifornimento dedicate a CNG e LNG.

Il CNR, assieme all’IIA, ha analizzato 11 scenari diversi, differenziati per materia prima per la produzione di biogas e per la presenza o meno di cattura della CO2 durante il processo di upgrading.
I risultati ottenuti dimostrano che nel settore della mobilità, il bioLNG permette la  riduzione delle emissioni di gas serra fino al 121,6% rispetto all’impiego di gasolio e una diminuzione del 65% di biossido di azoto.

Lo studio valuta l’impatto ambientale di differenti combustibili impiegati nel settore dell’autotrazione, con particolare focus sul biometano di cui è stato analizzato il diverso mix di biomasse utilizzate per l’alimentazione del digestore anaerobico. Il bioGNL risulta particolarmente vantaggioso e il beneficio del suo impiego aumenta all’aumentare della percentuale di effluenti zootecnici. Il processo globale del biometano risulta sempre vantaggioso rispetto ai carburanti fossili, anche grazie alla elevata percentuale di energia rinnovabile nel mix energetico italiano. Dallo studio emerge inoltre come sia possibile ottenere addirittura emissioni negative qualora l’impegno effluenti zootecnici sia superiore al 60% del mix di biomasse e un recupero della CO2 dell’upgrading per uso alimentare.Valerio Paolini, ricercatore del CNR-IIA

Leggi anche:
Scania – Westport Fuel Systems, idrogeno a iniezione diretta per camion e bus

Biometano, quali prospettive?

Lo studio, promosso dal CIB – Consorzio Italiano Biogas e da IVECO, è nato con lo scopo di valutare gli effetti ambientali del biometano liquefatto rispetto agli altri combustibili, vale a dire diesel e metano di origine fossile, usualmente impiegati nei trasporti pesanti.

Nell’analisi comparata, attraverso un approccio well-to-wheels (dal pozzo alla ruota), si è voluto approfondire il contributo della liquefazione e della cattura del carbonio nella catena di produzione del biometano prendendo in esame diverse tipologie di alimentazione del digestore anaerobico e la presenza o meno di un impianto di cattura dell’anidride carbonica.

Dai risultati dello studio emerge il ruolo di primo piano del biometano liquefatto nel processo di decarbonizzazione dei trasporti e nella riduzione dell’inquinamento atmosferico, anche alla luce degli obiettivi di neutralità carbonica fissati a livello europeo al 2050. Nel settore della mobilità, infatti, il bio-GNL può portare a una riduzione delle emissioni di gas serra fino al 121,6% e una diminuzione fino al 65% di biossido di azoto rispetto ai mezzi alimentati a diesel.

Degli 11 scenari analizzati, la produzione di biometano liquefatto è risultata infatti particolarmente vantaggiosa da un punto di vista ambientale nel caso del biogas prodotto interamente da effluenti zootecnici, poiché affronta contemporaneamente le emissioni dei trasporti e quelle derivanti dalla migliore gestione degli effluenti, raggiungendo una riduzione delle emissioni di -572 gCO2eq per km se comparate a quelle di un mezzo pesante con alimentazione diesel.

L’articolo BioLNG, è la tecnologia giusta per decarbonizzare i trasporti? sembra essere il primo su Logistica.



Sorgente notizia: https://www.logisticanews.it Vai al post originale


I commenti sono chiusi.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Maggiori informazioni

Impostazioni dei cookie

Di seguito puoi scegliere quale tipo di cookie consentire su questo sito web. Fai clic sul pulsante "Salva impostazioni cookie" per applicare la tua scelta.

FunzionaliIl nostro sito web utilizza cookie funzionali. Questi cookie sono necessari per far funzionare il nostro sito web.

AnaliticiI cookie analitici, che possono essere di prima o di terza parte, sono installati per collezionare informazioni sull’uso del sito web. In particolare, sono utili per analizzare statisticamente gli accessi o le visite al sito stesso e per consentire al titolare di migliorarne la struttura, le logiche di navigazione e i contenuti.

Social mediaI cookie di profilazione e i social plugin, che possono essere di prima o di terza parte, servono a tracciare la navigazione dell’utente, analizzare il suo comportamento ai fini marketing e creare profili in merito ai suoi gusti, abitudini, scelte, etc. In questo modo è possibile ad esempio trasmettere messaggi pubblicitari mirati in relazione agli interessi dell’utente ed in linea con le preferenze da questi manifestate nella navigazione online.

PubblicitariIl nostro sito web inserisce cookie pubblicitari per mostrarti pubblicità di terze parti in base ai tuoi interessi. Questi cookie possono tracciare i tuoi dati personali.

AltroIl nostro sito web inserisce cookie di terze parti da altri servizi di terze parti che non sono analitici, social media o pubblicitari.